Home page Università di Udine logo università di Udine
CercapersoneHelpdeskwebmailContatti 
Dimensione del testo:AAAA

 

DICA



Dipartimento di 
Ingegneria Civile
e Architettura

Sede di via delle Scienze, 206
33100 UDINE

tel. +39 0432 558050
fax +39 0432 558052


Ricerca


SETTORI ERC (EUROPEAN RESERCH COUNCIL)

TABELLA “ERC” ALLEGATA

PREVALENTE E PESO PERCENTUALE

PE8    Products and processes engineering: product design, process design and control, construction methods, civil engineering, energy systems, material engineering

26%

EVENTUALE ALTRO ERC E PESO PERCENTUALE

SH1   Individuals, institutions and markets: economics, finance and management

26%

SH3   Environment, space and population: environmental studies, demography, social geography, urban and regional studies

26%

SH5   Cultures and cultural production: literature, visual and performing arts, music, cultural and comparative studies

13%

SH6   The study of the human past: archaeology, history and memory

9%

TOTALE

100%

Ricerca in Italia

Gli studenti ammessi ai curricula del dottorato sono tenuti a trascorrere di norma quattro dei sei semestri svolgendo le attività in programma presso il DICA dell’Università di Udine o presso la sede del proprio supervisore se diversa dalla sede amministrativa, nel caso in cui il Supervisore, componente del Collegio, sia all’uopo autorizzato dalla sede di appartenenza e tale sede sia opportunamente dotata di materiale bibliografico, database, attrezzature o laboratori necessari all’attività di ricerca. Il dottorando potrà essere autorizzato a svolgere parte della propria attività anche presso enti, imprese, università, centri di ricerca, laboratori e organizzazioni internazionali e in altre strutture non comprese su espressa indicazione del Supervisore. Tale attività non deve interferire con la didattica ufficiale del dottorato onde consentire al dottorando di acquisire i necessari crediti formativi. Finalità: a) approfondimento di metodiche di punta; b) sperimentazioni in strutture specificatamente attrezzate; c) analisi territoriali; d) elaborazione di parte della tesi di dottorato; e) accesso a banche dati specifiche o a programmi (software) dedicati non in commercio per la verifica le ipotesi di ricerca; f) traning per la presentazione di ricerche Ideas o nel contesto di Horizon 2020. Circa le sedi potenziali  si  deve fare riferimento ai collegamenti indicati dai singoli gruppi di ricerca nel rispettivo curriculum, ma ciò dipende molto dall’argomento oggetto della tesi e dalla necessità di acquisire competenze complementari a quelle di tali gruppi. Uno dei dottorati da cui questo progetto deriva è incluso nella rete dei dottorati in Territorial and Urban Planning e partecipa ai colloqui internazionali tra dottorati sulla Progettazione e gestione dell’ambiente e del territorio. Il 12 aprile 2013 nella VI edizione del Colloquio internazionale c/o la Sapienza di Roma questo dottorato è stato invitato a confrontarsi sul tema della gestione e pianificazione del paesaggio urbano e agro-forestale con le Scuole di Dottorato italiane e europee. Ciò al fine di sviluppare la collaborazione didattica in un’ottica interdisciplinare. Alcuni dottorandi e il Coordinatore hanno già partecipato ai seminari della rete, di cui vengono costantemente informati. Da anni inoltre esiste una collaborazione anche con la Ph.D. Winter School dell’Università di Padova. Un altro dei dottorati da cui questo progetto deriva ha collegamenti con il Corso di Dottorato in Scienze e Tecniche dell'Ingegneria Civile dell’Università di Pisa che permette la frequenza a corsi e seminari, tenuti da esperti nazionali in settori specifici dell’ingegneria strutturale, che indubbiamente offrono ai dottorandi possibilità di approfondimento di temi di una certa complessità e rilevanza. Tutti questi collegamenti consentono anche di arricchire la formazione disciplinare e interdisciplinare, il perfezionamento linguistico (anche in collaborazione con il CLAV che da qualche anno offre corsi per i dottorandi) e informatico anche se i laboratori sopra menzionati e il supporto del Centro di Calcolo e dei servizi di cartografia e banche dati spaziali del Centro di ricerca di Ateneo per la cartografia (CARTESIO) che ha sede amministrativa nel DICA permette di seguire attività specialistiche nei settori dell’acquisizione, elaborazione, gestione, rappresentazione delle banche dati spazio-temporali, dotate di un riferimento geometrico e di un contenuto tematico, attraverso l’uso della tecnologia informatica più avanzata, il telerilevamento e i sistemi informativi territoriali. Per le analisi statistiche sono previsti workshop formativi per la programmazione in Visual Basic e per l’uso dei packages tipo STATA e SPSS.

Ricerca all'estero

A partire dal secondo semestre del secondo anno, previa autorizzazione del Collegio del Dottorato, i dottorandi potranno trascorrere di norma due semestri presso altra sede, in Italia o all’estero, in qualificati e primari centri di ricerca o altro (es. imprese altamente innovative e di punta con possibilità di brevettazione e capaci di realizzare il trasferimento tecnologico delle invenzioni etc.) sulla base del programma approvato. Il dottorando potrà essere autorizzato a svolgere parte della propria attività all’estero presso enti, imprese, università, centri di ricerca, laboratori e organizzazioni internazionali e in altre strutture non comprese su espressa indicazione del Supervisore. Tale attività non deve interferire con la didattica ufficiale del dottorato onde consentire al dottorando di acquisire i necessari crediti formativi. Finalità: a) approfondimento di metodiche di punta; b) sperimentazioni in strutture specificatamente attrezzate; c) analisi territoriali; d) elaborazione di parte della tesi di dottorato; e) accesso a banche dati specifiche o a programmi (software) dedicati non in commercio per la verifica le ipotesi di ricerca; f) traning per la presentazione di ricerche Ideas o nel contesto di Horizon 2020.

La ricerca progettuale si sviluppa a livello internazionale in contesti diversi, in collaborazione con primari atenei europei e nell’ambito di programmi di cooperazione con molti atenei africani: Facoltà di Architettura di Algeri (EPAU-Ecole Polytechnique Architecture Urbanisme), Building Department dell’Obafemi Awolowo University di Ile-Ife (Nigeria). Columbia University (New York ) , del MIT di Boston e presso la Graduate School of Design della Harvard University a Cambridge (Mass), Harvard-Graduate School of Design-Aga Khan Program, con il Senato della città di Berlino, con l’amministrazione della città di Potsdam, con l’Università di Kayseri (Turchia), Cluster di ricerca "Saturated Space" c/o Architectural Association School of Architecture di Londra,  University of Edinburgh, Edinburgh School of Architecture and Landscape Architecture, Master of Architecture e con la rete di 11 università italiane e 24 straniere attive nel PRIN 2013-2016,  Re-Cycle Italy. Nuovi cicli di vita per architetture e infrastrutture della città e del paesaggio.

La ricerca economica e territoriale si sviluppa con i seguenti partner di rilevanza scientifica : Institut für Geographie und Regionalforschung, Alpen-Adria- Universität Klagenfurt, Austria; Department für Raumentwicklung, Infrastruktur und Umweltplanung Technische Universität Wien, Austria; INRA, UMR Groupe de Recherche en Economie Mathématique et Quantitative, France. Vi sono inoltre convenzioni, relative al dottorato in Economia Ecologia Paesaggio e Territorio per il quale sono in corso nel 2013 il XXVII e il XXVIII Ciclo, con l’Università Politecnica di Valencia e con l’Università di Amsterdam per il conferimento del doppio titolo. Sono stati da tempo instaurati altri collegamenti internazionali con primari centri di ricerca e istituzioni e collaborazioni con imprese. Un accordo Erasmus di mobilità docenti e dottorandi è partito nel 2013 con Rezekne Higher Education Institution, Faculty of Education and Design, Personality Socialization Research Institute (Latvia). Alcuni docenti e dottorandi collaborano con la Sloan School of Mangement del MIT (Boston), USA. Contatti a alto livello hanno regolarmente luogo con Direttori di importanti riviste ISI e in particolare nel campo della Tourism Economics and Research e con la School of Tourism (and Management) della Bornemouth University (UK).

Le relazioni di collaborazione scientifica nell’ambito del dell’Ingegneria delle strutture e dell’idraulica è in atto tra i docenti del Collegio e quelli dell’Università di Berkeley (Ca, US), dell’Università di Buffalo (NY, US), Boston University (MA, US) e della Technischen Universität München (D)  che costituiscono il tramite per il coinvolgimento dei dottorandi in attività di ricerca e didattica strutturata.

La rete delle collaborazioni sopra indicate e altre in nuce consentono di  sviluppare capacità di elaborazione e proposta nei campi della gestione della ricerca, della conoscenza dei sistemi di ricerca europei ed internazionali, della valorizzazione dei risultati della ricerca e della proprietà intellettuale.